MENU
1
Zero emissioni, zero stress
2
Un modo alternativo per muoversi in città
3
Efficienza e sostenibilità a braccetto
4
Navette elettriche per i centri urbani
5
Veicoli intelligenti per snellire il traffico

VW ID.Buzz e le nuove soluzioni di mobilità urbana

Il modello commerciale del van/MPV Volkswagen sarà in vendita già nella primavera del 2022, ma la Casa ha già pronte sin d'ora nuove prospettive d'impiego rivoluzionarie per il nuovo Bulli a zero emissioni.

Zero emissioni, zero stress

In una livrea che sembra la versione "techno" del Berlin camouflage usato dalle forze armate britanniche stanziate in Germania durante la Guerra Fredda non rende giustizia agli interessanti scenari che l'ID.Buzz a guida autonoma apre per la mobilità urbana sostenibile.

Dopo aver conseguito il target delle emissioni locali zero, la famiglia VW ID. punta ora all’ambizioso traguardo dello stress zero nella guida cittadina.

Passato quasi inosservato, sommerso dalle tante novità elettriche presentate all’inizio di settembre all’IAA di Monaco, l’MPV/commerciale leggero ID.Buzz a guida autonoma è stato ripresentato lo scorso 11 ottobre al Congresso ITS i Amburgo, dove rimarrà esposto fino al 15 del mese nella Hall 5: la versione ID.Buzz AD, nella configurazione Shuttle (trasporto persone/allestimento VIP), offrirà invece ai partecipanti una prima impressione virtuale del potenziale dei veicoli a guida autonoma.

L’esposizione sarà accessibile anche al pubblico a partire dal 14 ottobre.

Un modo alternativo per muoversi in città

L'ID.Buzz elettrico in grado di guidare in autonomia rappresenta la continuazione ideale dell'indimenticabile Typ 2 di Volkswagen, un veicolo che divenne simbolo di un nuovo stile di vita.

Il sistema si auto guida del quale sarà equipaggiato ID.Buzz (il lancio del modello a guida autonoma è in programma ad Amburgo per il 2025) permetterà a una flotta di pullmini di integrare (o sostituire nelle zone più critiche) l'opera dei mezzi più pesanti e ingombranti, assicurando un servizio “on-demand” mirato sulle esigenze dell'utente; ovviamente, la stessa piattaforma con carrozzerie differenti sarà in grado di svolgere in autonomia funzione di collegamento tra depositi, magazzini e imprese commerciali. Come ha illustrato Michael Obrowski, membro del comitato direttivo di Volkswagen Commercial Vehicles (VWCV), a Peter Tschentscher, sindaco di Amburgo, in occasione della visita di quest’ultimo allo stand VW al Congresso: "Ci consideriamo partner delle città e con questi servizi di mobilità vogliamo dare un contributo importante al miglioramento dell'offerta di trasporto e della sicurezza stradale”.

Efficienza e sostenibilità a braccetto

Gli studi di Volkswagen nel settore della mobilità elettrica e nella guida autonoma produrranno nuovi modelli di mobilità individuale, più efficiente e più sostenibile.

Per il Gruppo Volkswagen la guida autonoma è una tecnologia chiave che renderà possibili nuove soluzioni di mobilità e aumenterà la sicurezza stradale.

Volkswagen Veicoli Commerciali, MOIA e la società tecnologica statunitense ARGO AI, che ha sviluppato il sistema di guida autonoma, stanno già sperimentando il loro sistema di ride-pooling autonomo in un progetto pilota ad Amburgo.

Attraverso una simulazione interattiva, Moia mostra nel suo stand nel padiglione 5 il contributo che il ride-pooling autonomo in grandi flotte può dare a sostegno del passaggio a forme alternative di mobilità.

Moia è attualmente in attività con diverse centinaia di veicoli. Se la flotta venisse aumentata a 1.000 unità, o oltre, tutti i vantaggi del ride-pooling potrebbe emergere in maniera significativa: se l’offerta di mobilità “dedicata” per gli utenti aumenta, il trasporto individuale diminuisce e il trasporto pubblico locale subirebbe notevoli benefici", ha affermato Robert Henrich, CEO di Moia.

Moia, secondo quanto dichiara Volkswagen, è una parola leggermente modificata dal sanscrito indù e significa qualcosa come "magia".

Il nome dovrebbe essere facile da ricordare e da pronunciare, nonché comprensibile a livello internazionale.

Ma non manca nemmeno il riferimento a Volkswagen: capovolte, le lettere maiuscole alle estremità si trasformano nel marchio "VW", combinato con IO al centro, abbreviazione (I/O) che in linguaggio tecnico sta per input/output. Questo ragionamento, a dire il vero parecchio contorto, vorrebbe sottolineare il DNA di Moia come azienda tecnologica

Navette elettriche per i centri urbani

Il sindaco di Amburgo Peter Tschentscher (al centro, in abito chiaro), con la sua delegazione in visita allo stand VW al'ITS. Al suo fianco, (il quarto da sinistra) Michael Obrowski, membro del comitato direttivo di Volkswagen Commercial Vehicles.

Moia è una filiale del Gruppo Volkswagen. L'azienda sviluppa servizi di mobilità nelle sue sedi di Berlino e Amburgo e lavora in collaborazione con le amministrazioni cittadine e i fornitori di trasporto pubblico locale.

Moia sta attualmente sviluppando e implementando un sistema di ride-pooling per evitare il traffico automobilistico individuale e utilizzare le infrastrutture stradali in modo più efficiente, in modo di alleggerire le città dalla congestione, dal rumore e dalle emissioni di scarico.

Moia offre il suo servizio di ride-pooling ad Hannover dall'estate del 2018, mentre ad Amburgo, la prima città con oltre un milione di abitanti, il servizio è attivo dal 15 aprile 2019.

L’attività di Moia consiste in un modello molto avanzato di car pooling, con pagamento e prenotazione delle corse tramite app, una visione tecnologica e molto efficiente del servizio di Taxi collettivo. Sulle strade di Amburgo, Moia ha schierato una flotta di 200 navette elettriche appositamente sviluppate per servire tutti quei pendolari che non possiedono un’auto. L’obiettivo è inserirsi in un nuovo segmento di mercato, per colmare il gap tra trasporto pubblico e taxi. A differenza di Uber, principale concorrente in questo settore, VW ha dichiara che “Moia assume solo autisti qualificati.

Veicoli intelligenti per snellire il traffico

Grazie all'interazione tra dispositivi radar, sensori di prossimità e interazione con altri veicoli in movimento nella stessa area, sarà possibile rendere il traffico cittadino più fluido e scorrevole.

Il sistema di guida autonoma di VW è stato sviluppato in collaborazione con Argo AI, un'azienda globale per piattaforme tecnologiche di veicoli autonomi con sede a Pittsburgh, in Pennsylvania.

In collaborazione con i principali produttori di autoveicoli, tra cui Ford Motor Company e Volkswagen Commercial Vehicles, Argo AI sta sviluppando tecnologie di guida autonoma al fine di rendere la mobilità nelle città sicura, facile e piacevole per tutti.

Argo AI impiega oltre 1.200 persone e ha centri di ingegneria a Dearborn, nel Michigan; Cranbury, N. J.; Palo Alto, California; e Monaco di Baviera, Germania. Argo sta attualmente eseguendo prove con veicoli a guida autonoma su strade pubbliche a Miami (Florida), Austin (Texas), Washington D.C., Pennsylvania, oltre che in Michigan e in California.

© RIPRODUZIONE RISERVATA