MENU
1
Alte prestazioni, grande versatilità, zero emissioni
2
Sono i dettagli a fare la differenza
3
Doti dinamiche che conquistano
4
Un'elettrica di cui ci si innamora

Porsche Taycan Sport Turismo, perfezione elettrica

Nel corso di una presentazione alla stampa dell’ultima arrivata della famiglia Taycan, la Sport Turismo, la Porsche ha ribadito con forza il suo impegno nel settore delle berline EV (in questo caso una shooting brake) alto di gamma.

Messa alla prova sulle spettacolari strade della Sardegna, la EV Porsche Taycan Sport Turismo ha rivelato doti di carattere e prestazioni da lasciare stupiti anche i driver più smaliziati.

Alte prestazioni, grande versatilità, zero emissioni

L'impostazione meccanica della Taycan Sport Turismo è la stessa della Taycan da cui deriva, un’auto che interpreta alla perfezione il canovaccio delle berline elettriche prestazionali.

Ovviamente adeguato al censo e alle ambizioni della vettura il teatro scelto per l’evento: le bellissime strade provinciali che incorniciano la Costa Smeralda in Sardegna. Semplicemente spettacolari.

La gamma Sport Turismo è già a listino da qualche mese: la vettura deriva dalla Taycan berlina e la sua caratteristica distintiva è la maggior versatilità e funzionalità nell’utilizzo anche quotidiano, grazie alla presenza del portellone posteriore che agevola l’accesso a un grande vano di carico: fino a circa 1.200 litri abbassando gli schienali dei sedili.

Versatilità a parte, l’impostazione meccanica è quella della Taycan, un’auto che interpreta alla perfezione il canovaccio delle berline prestazionali.

E, ogni volta che si sale a bordo si rinnova l’emozione: dopo pochi chilometri tutto conferma che stai guidando una vera Porsche. Posizione di guida, contenimento del sedile, assemblaggio impeccabile, praticità dei comandi e perché no, anche il pulsante di accensione alla sinistra del piantone dello sterzo.

Sono i dettagli a fare la differenza

Rispetto alla Taycan berlina, la Sport Turismo ha la sua caratteristica distintiva nella maggior versatilità nell’uso quotidiano grazie alla presenza del portellone posteriore.

Del resto, si sa, sono sempre i dettagli a fare la differenza.

Differenza che si delinea con una forza incredibile trascorrendo qualche ora al volante della Sport Turismo. Due le versioni che ho guidato per un totale di circa 200 km: la GTS e la Turbo S. La gamma ha prezzi che partono da circa 86.500 euro per arrivare ai 187.500 della Turbo S a trazione integrale da 761 CV.

Le percorrenze naturalmente variano a seconda delle varianti e del piede destro di chi guida, ma la Performance Battery Plus da 476 CV ha un raggio d’azione che sfiora i 500 km (ciclo WLTP).

Le possibilità di personalizzazione e la quantità di accessori di serie o optional meriterebbero un approfondimento a parte, ma credo che in questo spazio sia molto meglio raccontare le sensazioni che offre un’auto come la Taycan. Avete presente l’espressione “calza come un guanto”? Bene la Taycan in estrema sintesi trasmette questo senso di benessere mentale e fisico.

Doti dinamiche che conquistano

Le Porsche Taycan Sport Turismo e le Sport Turismo Turbo S non impressionano tanto per le prestazioni, peraltro notevoli, quando per il loro equilibrio dinamico e per le caratteristiche di handling.

Ripeto è una Porsche autentica: perché tutto ruota in funzione della sicurezza e della piacevolezza e della dinamica di guida. La potenza dei motori elettrici certo conta, i 517 CV della GTS bastano e avanzano per catapultarvi in pochi secondi a velocità imbarazzanti, ma non è questo il punto. Ciò che rapisce i sensi in una Taycan è la percezione del livello di perfezione raggiunto in qualsiasi situazione: dal telaio alle sospensioni, dallo sterzo ai freni.

L’auto offre un handling stupefacente sempre e in ogni condizione: il peso (oltre 2.300 a vuoto) sembra dissolversi per incanto, mentre l’asticella delle prestazioni sale sempre più in alto fino a toccare i 250 km/h di velocità massima.

Un'elettrica di cui ci si innamora

Con le Taycan e Taycan Sport Turismo Porsche ha dimostrato che è possibile realizzare una EV a quattro porte dalla quale non si vorrebbe mai scendere mai...

Ma, sottolineo, il punto non è questo. L’unicità e la bellezza di questa berlina risiedono nel senso di leggerezza e immediatezza che si avvertono sempre. Gli inserimenti in curva sono perfetti, lo sterzo ti comunica esattamente cosa sta succedendo, a proposito le quattro ruote sterzanti danno il loro sano contributo, e le sospensioni garantiscono un assetto perfetto anche viaggiando a velocità siderali.
Emozioni che naturalmente si moltiplicano in modo esponenziale al volante della top di gamma, la Turbo S: qui le risposte diventano addirittura impressionanti e la rapidità di esecuzione delle manovre è da autentica super sportiva.

La Turbo S gioca davvero in un altro campionato. Ma anche in questo caso non tanto per le prestazioni in assoluto, una Tesla Model Plaid passa da 0 a 100 in meno di 2 secondi contro i 2,6 della Porsche, quanto perché al volante della Turbo S provi emozioni e sensazioni che tutti gli altri non possono offrire. Insomma di fronte a una Taycan bisogna arrendersi all’evidenza: realizzare una EV a quattro porte dalla quale non si vorrebbe mai scendere si può… E Porsche lo ha dimostrato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA