MENU
1
11.000 chilometri "solari" all’anno
2
Chilometri gratis... A caro prezzo
3
Dopo la berlina arriverà la crossover
4
Prende l’energia direttamente dal sole

Lightyear Zero: il range extender è fotovoltaico

Tra le numerose proposte di vetture elettriche, cresce il numero di quelle che prevedono di aumentare l’autonomia grazie a pannelli fotovoltaici incorporati nella carrozzeria, come ha fatto la startup olandese Lightyear.

Grazie ai pannelli solari incorporati nel cofano, nel tetto e sul portello del bagagliaio, la Lightyear Zero secondo il costruttore può ricavare dal sole energia per 70 chilometri al giorno. 

11.000 chilometri "solari" all’anno

La Lightyear Zero dispone di trazione integrale grazie a quattro motori elettrici sistemati nei mozzi delle ruote. Questo limita la potenza disponibile e aumenta il peso delle masse non sospese, ma presenta vantaggi dal punto di vista della semplicità costruttiva e della massa complessiva.

All’orizzonte sembra profilarsi un’altra novità nel mondo dell’elettrico, in questo caso con particolare riferimento all’utilizzo dei pannelli fotovoltaici. È di queste settimane infatti la conferma che la startup olandese Lightyear nel giro di pochi mesi inizierà la produzione della Lightyear Zero.

Si tratta di una berlina a quattro porte di medie dimensioni che promette meraviglie in termini di percorrenze, visto che dichiarano fino a circa 11.000 km annui di autonomia aggiuntiva, a patto che ci sia molto sole, grazie ai diversi pannelli solari che si trovano su tetto, cofano e portellone posteriore.

Chilometri gratis... A caro prezzo

Il fatto di poter percorrere circa 11.000 chilometri all'anno grazie all'energia generata dai pannelli fotovoltaici incorporati nella carrozzeria aiuterà i proprietari a digerire un prezzo di listino decisamente importante: circa 140 mila euro, tasse escluse.

Decisamente impegnativo il prezzo, che sarà superiore ai 140.000 euro, tasse escluse: sinceramente troppi per un’auto che ha in pratica le stesse dimensioni della Tesla Model 3.

In ogni caso l’azienda venderà solo 946 esemplari, soprattutto per dimostrare che la tecnologia dei pannelli solari è applicabile alle auto.

Dopo la berlina arriverà la crossover

La berlina Lightyear Zero aiuterà la Casa a farsi conoscere sul mercato e, nei programmi aziendali, è previsto che sarà seguita da una crossover dal prezzo più accessibile. 

Nelle intenzioni alla berlina dovrebbe poi seguire una crossover, la Lightyear 2 che, dicono, avrà prezzi decisamente più abbordabili.

La Lightyear Zero ha batteria da 60,0 kWh più piccola e leggera di quella di altri veicoli elettrici analoghi.

Le prestazioni indicano uno scatto da 0 a 100 km/h in circa 10 secondi con una velocità massima limitata a 160 km/h. Decisamente basso il Cx, pari ad appena 0,19.

Prende l’energia direttamente dal sole

Una carrozzeria particolarmente profilata dal punto di vista aerodinamico garantisce alla Lightyear zero un'autonomia WLTP di 625 chilometri con una batteria da 60 kWh.

Ha una carrozzeria in fibra di carbonio e utilizza quattro motori alloggiati direttamente nei mozzi ruota: un vantaggio netto sul fronte dei consumi poiché non esistono alberi di trasmissione e altri elementi aggiuntivi.

Il risultato è un veicolo elettrico molto efficiente e di notevole autonomia: Lightyear in modalità solo elettrica dichiara percorrenze di 625 km (ciclo WLTP).

Utilizzando i pannelli solari la produzione di energia varia da 492 e 673 watt. Secondo Lightyear i pannelli possono regalare fino a 70 km al giorno o appunto 11.000 in un anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA